Mappe della precarietà. 2: Knowledge workers, creatività, saperi e dispositivi di soggettivazione