Difficoltà di apprendimento: il ruolo dell’attività motoria finalizzata