Luigi Cavenaghi tra Roma e Vaticano