Equilibrio e giustizia (I): la stabilità del contratto sociale