L’articolo mostra che la società italiana ha accettato negli ultimi trent’anni un ampio afflusso di manodopera immigrata (circa 2,4 milioni di occupati), accettando in qualche misura il loro ruolo economico, ma senza concedere riconoscimento sociale e piena cittadinanza. Sette leggi di sanatoria in 25 anni ne sono la dimostrazione. La crisi economica sembra avere compromesso la principale motivazione dell’accettazione degli immigrati, ossia i fabbisogni del mercato del lavoro. Tuttavia, malgrado molte difficoltà, gli immigrati hanno aumentato la loro incidenza sull’occupazione, passando da meno del 7% nel 2008 a più del 10% nel 2016. La persistente segmentazione del mercato del lavoro, le carenze dei servizi di welfare, l’espansione dei lavori poveri, il supporto delle reti etniche ne sono le principali motivazioni. In conclusione, l’articolo sostiene che l’Italia ha ancora bisogno del lavoro degli immigrati, ma ha sviluppato una forma di «integrazione subalterna», in cui una limitata accettazione è disgiunta da un pieno riconoscimento.

Perché e come gli immigrati continuano a lavorare in Italia / M. Ambrosini. - In: RIVISTA GIURIDICA DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE. - ISSN 0392-7229. - 68:4(2017 Oct), pp. 557-581.

Perché e come gli immigrati continuano a lavorare in Italia

M. Ambrosini
Primo
2017

Abstract

L’articolo mostra che la società italiana ha accettato negli ultimi trent’anni un ampio afflusso di manodopera immigrata (circa 2,4 milioni di occupati), accettando in qualche misura il loro ruolo economico, ma senza concedere riconoscimento sociale e piena cittadinanza. Sette leggi di sanatoria in 25 anni ne sono la dimostrazione. La crisi economica sembra avere compromesso la principale motivazione dell’accettazione degli immigrati, ossia i fabbisogni del mercato del lavoro. Tuttavia, malgrado molte difficoltà, gli immigrati hanno aumentato la loro incidenza sull’occupazione, passando da meno del 7% nel 2008 a più del 10% nel 2016. La persistente segmentazione del mercato del lavoro, le carenze dei servizi di welfare, l’espansione dei lavori poveri, il supporto delle reti etniche ne sono le principali motivazioni. In conclusione, l’articolo sostiene che l’Italia ha ancora bisogno del lavoro degli immigrati, ma ha sviluppato una forma di «integrazione subalterna», in cui una limitata accettazione è disgiunta da un pieno riconoscimento.
Immigrazione; mercato del lavoro; integrazione; discriminazione
Settore SPS/09 - Sociologia dei Processi economici e del Lavoro
Settore SPS/10 - Sociologia dell'Ambiente e del Territorio
Article (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Rgl 4_2017.pdf

accesso riservato

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 686.64 kB
Formato Adobe PDF
686.64 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/580999
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact