Contro il neo-formalismo informatico