«Pervasività signorile» alla fine del medioevo. Qualche nota su un recente progetto di ricerca