La disarticolazione della lingua in O beatrice