Un razionalismo barocco? Spunti per una lettura leibniziana