Era così compagnevole che conversava persino coi libri che leggeva