Non c'è due senza tre: torna alle Sezioni Unite la questione dei caratteri fondanti la connessione teleologica