Decisioni mediche di fine vita e “attivismo giudiziale”