La Corte di Strasburgo riconosce la non incompatibilità con l’art. 6 (1) della CEDU della rinuncia preventiva delle parti all’impugnazione di un lodo arbitrale