Ma sui brevetti Londra si sente ancora europea