Corporeità inanimate nell'opera di Gesualdo Bufalino