Lo scioglimento per impossibilità dell’oggetto sociale o per sopravvenuta impossibilità del suo conseguimento (art. 2484, comma 1, n. 2, c.c.) è tradizionalmente soggetto a criteri di stretta interpretazione in virtù di un’impostazione che, al fondo, tende ad attribuire al principio di conservazione delle attività produttive un rilievo preminente rispetto al diritto del singolo socio al proprio disinvestimento. Tale approccio è messo in discussione nei casi limite in cui l’impresa cade in uno stato di incapacità di proseguire l’attività imprenditoriale per manifesta insufficienza di mezzi propri ovvero, secondo una tesi più recente, per perdita del presupposto della continuità aziendale. All’esito di una ricognizione degli opposti orientamenti interpretativi, il contributo si concentra sul problema delle interferenze che una tale ipotesi dissolutiva può generare sul piano della funzione riorganizzativa o risanatoria dell’impresa affermatasi nell’ordinamento concorsuale. In particolare, tali profili sono discussi alla luce delle recenti prese di posizione della dottrina e della giurisprudenza del Tribunale di Milano che tendono a collegare la perdita del presupposto della continuità aziendale alle ipotesi in cui essa assume carattere definitivo e irreversibile.

Lo scioglimento delle società di capitali per sopravvenuta impossibilità di conseguimento dell’oggetto sociale / N. Baccetti. - (2016 Dec 21).

Lo scioglimento delle società di capitali per sopravvenuta impossibilità di conseguimento dell’oggetto sociale

N. Baccetti
Primo
2016

Abstract

Lo scioglimento per impossibilità dell’oggetto sociale o per sopravvenuta impossibilità del suo conseguimento (art. 2484, comma 1, n. 2, c.c.) è tradizionalmente soggetto a criteri di stretta interpretazione in virtù di un’impostazione che, al fondo, tende ad attribuire al principio di conservazione delle attività produttive un rilievo preminente rispetto al diritto del singolo socio al proprio disinvestimento. Tale approccio è messo in discussione nei casi limite in cui l’impresa cade in uno stato di incapacità di proseguire l’attività imprenditoriale per manifesta insufficienza di mezzi propri ovvero, secondo una tesi più recente, per perdita del presupposto della continuità aziendale. All’esito di una ricognizione degli opposti orientamenti interpretativi, il contributo si concentra sul problema delle interferenze che una tale ipotesi dissolutiva può generare sul piano della funzione riorganizzativa o risanatoria dell’impresa affermatasi nell’ordinamento concorsuale. In particolare, tali profili sono discussi alla luce delle recenti prese di posizione della dottrina e della giurisprudenza del Tribunale di Milano che tendono a collegare la perdita del presupposto della continuità aziendale alle ipotesi in cui essa assume carattere definitivo e irreversibile.
scioglimento delle società di capitali; conseguimento dell’oggetto sociale; sopravvenuta impossibilità di conseguire l'oggetto sociale; sottocapitalizzazione materiale; perdita del presupposto della continuità aziendale; riorganizzazione dell'impresa; conservazione dell'impresa; risanamento; revoca della liquidazione
Settore IUS/04 - Diritto Commerciale
http://ilsocietario.it/articoli/focus/lo-scioglimento-delle-societ-sopravvenuta-impossibilit-di-conseguimento-dell-oggetto
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Scioglimento per impossibilità di conseguimento dell'oggetto sociale.pdf

accesso aperto

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 126.04 kB
Formato Adobe PDF
126.04 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/464909
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact