In medicina veterinaria, ancor più che in medicina umana, il problema è che spesso nel cane non è semplice definire i confini tra invecchiamento fisiologico e deficit cognitivo, e ciò rende difficile raggiungere una giusta diagnosi e intraprendere una terapia efficace. Il veterinario può proporre soluzioni che mirano ad aumentare il benessere dell’animale ma che non sono ovviamente risolutive del problema.

Problemi comportamentali nel cane anziano / C. Palestrini, Z. Talamonti, S. Cannas. - In: SUMMA ANIMALI DA COMPAGNIA. - ISSN 1828-5538. - 30:9(2013 Dec 10), pp. 1-4.

Problemi comportamentali nel cane anziano

C. Palestrini
Primo
;
Z. Talamonti
Secondo
;
S. Cannas
Ultimo
2013

Abstract

In medicina veterinaria, ancor più che in medicina umana, il problema è che spesso nel cane non è semplice definire i confini tra invecchiamento fisiologico e deficit cognitivo, e ciò rende difficile raggiungere una giusta diagnosi e intraprendere una terapia efficace. Il veterinario può proporre soluzioni che mirano ad aumentare il benessere dell’animale ma che non sono ovviamente risolutive del problema.
invecchiamento, deficit cognitivo, cane
Settore AGR/19 - Zootecnica Speciale
http://www.pointvet.it/web/index.php?com=periodici&option=index&id=2&summaries
Article (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2013 problemi comportamentali nel cane anziano.pdf

accesso riservato

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 167.43 kB
Formato Adobe PDF
167.43 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/422584
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact