I contratti autonomi di garanzia nella prassi internazionale