La valutazione del danno alla persona: tra an e quantum