Cittadini, nobili, poeti. A proposito di un libro recente sulla nobiltà medievale