Il c.d. “Rito Fornero” nell’applicazione giurisprudenziale