«La figura è equivoca. Però…». La censura cinematografica di fronte all’omosessualità