Introduzione Il latte materno non risulta possedere una composizione omogenea, diversamente dalle formule, e la sua composizione risulta influenzata da diversi fattori tra cui quelli genetici, ambientali, lo stile di vita e le abitudini alimentari della madre. In particolare la dieta di una donna in allattamento può influenzare la composizione del latte attraverso diverse vie metaboliche tra loro connesse che producono sia una modulazione diretta, sia effetti indiretti. Obbiettivi L’obbiettivo principale dello studio è quello di verificare come varia la composizione del latte materno nelle donne con abitudini alimentari che con modalità diverse si discostano da un regime alimentare classificabile come "dieta mediterranea". Si vuole inoltre studiare se la composizione del latte materno è maggiormente influenzata dai consumi alimentari della madre a breve, a medio o a lungo termine. Verranno presentati alcuni risultati dello studio, con particolare attenzione alle informazioni che caratterizzano l’alimentazione della madre durante l’allattamento. Metodi Le informazioni raccolte si riferiscono a 300 donne sane che hanno partorito un figlio sano presso 5 ospedali sede di Banche del latte donato. Ogni donna ha donato un campione di latte e risposto ad un questionario strutturato, somministrato da personale addestrato, volto a raccogliere dati demografici, clinici ed antropometrici della madre e del bambino, alcune informazioni sullo stile di vita e i dati relativi al prelievo di latte. Le informazioni relative alle abitudini alimentari erano articolate in 4 distinte sezioni: 1) dieta abituale durante l'allattamento; 2) dieta negli ultimi due giorni prima del prelievo; 3) consumo alimentare la sera prima del prelievo; 4) consumo alimentare la mattina del prelievo, prima della donazione del latte. Risultati Delle 300 donne partecipanti allo studio 110 sono di Torino, 23 di Firenze, 46 di Roma, 20 di Palermo e 101 di San Giovanni Rotondo. L’età media è di 33 anni (SD=4.1 anni) senza differenze statisticamente significative tra i centri. Tranne a San Giovanni Rotondo dove il 51% circa delle donatrici si dichiara casalinga, la professione più dichiarata è quella di impiegata. L’aderenza alla dieta mediterranea calcolata tramite MDS (Trichopoulou 1995) indica una bassa aderenza (MDS< 3) nel 38% delle donatrici. Sorprendentemente tale aderenza risulta superiore al nord (MDS > 7 =8.2%) rispetto al sud (MDS > 7=2.5%). Conclusioni Oltre alle caratteristiche generali delle donatrici che hanno accettato di partecipare allo studio MediDiet, verranno presentati dati che permettono di valutare le diverse modalità di scostamento dalla dieta mediterranea, come base preliminare per le analisi successive che permetteranno di identificare l’importanza della tipologia alimentare sulla composizione del latte materno.

Abitudini alimentari e composizione del latte materno: lo studio MediDiet / M. Ferraroni, F. Bravi, F. Wiens, B. Stahl, E. Bertino, A. Decarli, G. Moro. ((Intervento presentato al 39. convegno Congresso dell'associazione italiana di epidemiologia : alimentazione e salute nell'era della globalizzazione tenutosi a Milano nel 2015.

Abitudini alimentari e composizione del latte materno: lo studio MediDiet

M. Ferraroni;F. Bravi;A. Decarli;
2015-10-29

Abstract

Introduzione Il latte materno non risulta possedere una composizione omogenea, diversamente dalle formule, e la sua composizione risulta influenzata da diversi fattori tra cui quelli genetici, ambientali, lo stile di vita e le abitudini alimentari della madre. In particolare la dieta di una donna in allattamento può influenzare la composizione del latte attraverso diverse vie metaboliche tra loro connesse che producono sia una modulazione diretta, sia effetti indiretti. Obbiettivi L’obbiettivo principale dello studio è quello di verificare come varia la composizione del latte materno nelle donne con abitudini alimentari che con modalità diverse si discostano da un regime alimentare classificabile come "dieta mediterranea". Si vuole inoltre studiare se la composizione del latte materno è maggiormente influenzata dai consumi alimentari della madre a breve, a medio o a lungo termine. Verranno presentati alcuni risultati dello studio, con particolare attenzione alle informazioni che caratterizzano l’alimentazione della madre durante l’allattamento. Metodi Le informazioni raccolte si riferiscono a 300 donne sane che hanno partorito un figlio sano presso 5 ospedali sede di Banche del latte donato. Ogni donna ha donato un campione di latte e risposto ad un questionario strutturato, somministrato da personale addestrato, volto a raccogliere dati demografici, clinici ed antropometrici della madre e del bambino, alcune informazioni sullo stile di vita e i dati relativi al prelievo di latte. Le informazioni relative alle abitudini alimentari erano articolate in 4 distinte sezioni: 1) dieta abituale durante l'allattamento; 2) dieta negli ultimi due giorni prima del prelievo; 3) consumo alimentare la sera prima del prelievo; 4) consumo alimentare la mattina del prelievo, prima della donazione del latte. Risultati Delle 300 donne partecipanti allo studio 110 sono di Torino, 23 di Firenze, 46 di Roma, 20 di Palermo e 101 di San Giovanni Rotondo. L’età media è di 33 anni (SD=4.1 anni) senza differenze statisticamente significative tra i centri. Tranne a San Giovanni Rotondo dove il 51% circa delle donatrici si dichiara casalinga, la professione più dichiarata è quella di impiegata. L’aderenza alla dieta mediterranea calcolata tramite MDS (Trichopoulou 1995) indica una bassa aderenza (MDS< 3) nel 38% delle donatrici. Sorprendentemente tale aderenza risulta superiore al nord (MDS > 7 =8.2%) rispetto al sud (MDS > 7=2.5%). Conclusioni Oltre alle caratteristiche generali delle donatrici che hanno accettato di partecipare allo studio MediDiet, verranno presentati dati che permettono di valutare le diverse modalità di scostamento dalla dieta mediterranea, come base preliminare per le analisi successive che permetteranno di identificare l’importanza della tipologia alimentare sulla composizione del latte materno.
Settore MED/01 - Statistica Medica
Settore MED/38 - Pediatria Generale e Specialistica
Associazione Italiana di Epidemiologia
Università degli Studi Milano - Bicocca
Abitudini alimentari e composizione del latte materno: lo studio MediDiet / M. Ferraroni, F. Bravi, F. Wiens, B. Stahl, E. Bertino, A. Decarli, G. Moro. ((Intervento presentato al 39. convegno Congresso dell'associazione italiana di epidemiologia : alimentazione e salute nell'era della globalizzazione tenutosi a Milano nel 2015.
Conference Object
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/331055
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact