Endotelial Differentiation-related Factor (EDF)-1 è un piccolo polipeptide di 16 kDa, che modula la funzionalità endoteliale. EDF-1 ha un doppio ruolo: nel citosol sequestra la calmodulina (CaM); nel nucleo, ove trasloca previa attivazione delle proteine chinasi A, agisce da cofattore trascrizionale. Recentemente, EDF-1 umano è stato descritto come coattivatore trascrizionale di PPARgamma, un recettore nucleare coinvolto nel differenziamento adipocitario e nell’adipogenesi. Sulla base di questi dati, ci siamo proposti di proseguire i nostri studi per comprendere il ruolo di EDF-1 in particolare nella lipogenesi e nel differenziamento adipocitario, processi cruciali del metabolismo lipidico umano in condizioni normali e patologiche. Mediante western blot, abbiamo analizzato l’espressione di EDF-1 durante il differenziamento in vitro di pre-adipociti 3T3-L1. L’espressione di EDF-1 risulta aumentare in corso di differenziamento parallelamente all’espressione di PPARgamma. Abbiamo quindi ipotizzato che EDF-1 possa essere utilizzato per regolare l’atttività trascrizionale di PPARgamma durante il differenziamento. A conferma di ciò, sono in corso degli studi volti a bloccare l’espressione di EDF-1 in 3T3-L1 con siRNA. Abbiamo inoltre utilizzato la tecnologia del “morfolino” per generare degli zebrafish (pesci tropicali utilizzati come modello animale) KO per PPARgamma e EDF-1. Nel pesce i lipidi vengono usualmente sintetizzati e accumulati nei primi giorni di sviluppo nella cosiddetta “gall bladder” situata vicino all’intestino. Ci siamo quindi proposti di valutare l’accumulo dei lipidi nella gall bladder di pesci normali o privi di EDF-1 nel corso delle prime fasi dello sviluppo embrionale utilizzando un colorante vitale che lega specificamente i lipidi (BODIPY). I risultati mostravano una riduzione delle dimensioni della gall bladder nei pesci KO per PPARgamma indicando che PPARgamma è coinvolto nella biosintesi dei lipidi anche in zebrafish. Inoltre, lo stesso risultato è stato osservato in pesci KO per EDF-1 confermando che EDF-1 è necessario per ottenere una corretta biosintesi dei lipidi in vivo. Questi dati rafforzano l’ipotesi che EDF-1 regoli l’attivita’ trascrizionale di PPARgamma nel differenziamento adipocitario e nell’adipogenesi.

EDF-1, un cofattore trascrizionale coinvolto nel metabolismo lipidico / D. Bernardini, M. Mariotti, E. Mueller, J.A.M. Maier - In: Atti del convegno "XXVIII Congresso Nazionale della Società Italiana di Patologia SIP 2006"Pavia : null, 2006. - pp. 6-6 (( Intervento presentato al XXVIII. convegno Congresso Nazionale della Società Italiana di Patologia tenutosi a Pavia nel 2006.

EDF-1, un cofattore trascrizionale coinvolto nel metabolismo lipidico

D. Bernardini;M. Mariotti;J.A.M. Maier
2006

Abstract

Endotelial Differentiation-related Factor (EDF)-1 è un piccolo polipeptide di 16 kDa, che modula la funzionalità endoteliale. EDF-1 ha un doppio ruolo: nel citosol sequestra la calmodulina (CaM); nel nucleo, ove trasloca previa attivazione delle proteine chinasi A, agisce da cofattore trascrizionale. Recentemente, EDF-1 umano è stato descritto come coattivatore trascrizionale di PPARgamma, un recettore nucleare coinvolto nel differenziamento adipocitario e nell’adipogenesi. Sulla base di questi dati, ci siamo proposti di proseguire i nostri studi per comprendere il ruolo di EDF-1 in particolare nella lipogenesi e nel differenziamento adipocitario, processi cruciali del metabolismo lipidico umano in condizioni normali e patologiche. Mediante western blot, abbiamo analizzato l’espressione di EDF-1 durante il differenziamento in vitro di pre-adipociti 3T3-L1. L’espressione di EDF-1 risulta aumentare in corso di differenziamento parallelamente all’espressione di PPARgamma. Abbiamo quindi ipotizzato che EDF-1 possa essere utilizzato per regolare l’atttività trascrizionale di PPARgamma durante il differenziamento. A conferma di ciò, sono in corso degli studi volti a bloccare l’espressione di EDF-1 in 3T3-L1 con siRNA. Abbiamo inoltre utilizzato la tecnologia del “morfolino” per generare degli zebrafish (pesci tropicali utilizzati come modello animale) KO per PPARgamma e EDF-1. Nel pesce i lipidi vengono usualmente sintetizzati e accumulati nei primi giorni di sviluppo nella cosiddetta “gall bladder” situata vicino all’intestino. Ci siamo quindi proposti di valutare l’accumulo dei lipidi nella gall bladder di pesci normali o privi di EDF-1 nel corso delle prime fasi dello sviluppo embrionale utilizzando un colorante vitale che lega specificamente i lipidi (BODIPY). I risultati mostravano una riduzione delle dimensioni della gall bladder nei pesci KO per PPARgamma indicando che PPARgamma è coinvolto nella biosintesi dei lipidi anche in zebrafish. Inoltre, lo stesso risultato è stato osservato in pesci KO per EDF-1 confermando che EDF-1 è necessario per ottenere una corretta biosintesi dei lipidi in vivo. Questi dati rafforzano l’ipotesi che EDF-1 regoli l’attivita’ trascrizionale di PPARgamma nel differenziamento adipocitario e nell’adipogenesi.
metabolismo lipidico, EDF-1
Settore MED/04 - Patologia Generale
Book Part (author)
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/30497
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact