L’editore di esegesi altomedievale tra fonti sommerse e tradizioni creative