Il veterinario nella suinicoltura intensiva. Un ruolo da rivedere