Non fa lo stesso se le cose, pur rimanendo le stesse, stanno a destra o a sinistra, sopra o sotto, davanti o dietro. Nello spazio vissuto della nostra esperienza quotidiana, nello spazio del mito e delle religioni – lo ha ben mostrato Cassirer nelle sezioni della Filosofia delle forme simboliche dedicate alla spazialità –, non ci troviamo di fronte a una spazialità neutra, omogenea, infinita e isotropa, cioè indifferente alla direzione. Al contrario, la possibilità di muoversi sensatamente nello spazio, radicata nel mio corpo proprio e nelle sue prassi, è affidata a quei tre assi principali e alle differenze da essi istituite, in forza di un’estesiologia incarnata che Kant aveva cominciato a dissodare nello scritto sul Primo fondamento della distinzione delle regioni nello spazio e in Che cosa significa orientarsi nel pensare. Lo stesso vale per lo spazio dell’immagine, intesa sia come image sia come picture. Vero e proprio campo energetico, la sua superficie è attraversata da vettori dinamici e forze di resistenza che ne compongono, nella loro tensione più o meno armonica, la struttura. I saggi qui raccolti intendono affrontare questo plesso problematico.

Il verso dell’immagine / A. Barale, A. Pinotti. - In: AISTHESIS. - ISSN 2035-8466. - 5:2(2012), pp. 3-247.

Il verso dell’immagine

A. Pinotti
Ultimo
2012

Abstract

Non fa lo stesso se le cose, pur rimanendo le stesse, stanno a destra o a sinistra, sopra o sotto, davanti o dietro. Nello spazio vissuto della nostra esperienza quotidiana, nello spazio del mito e delle religioni – lo ha ben mostrato Cassirer nelle sezioni della Filosofia delle forme simboliche dedicate alla spazialità –, non ci troviamo di fronte a una spazialità neutra, omogenea, infinita e isotropa, cioè indifferente alla direzione. Al contrario, la possibilità di muoversi sensatamente nello spazio, radicata nel mio corpo proprio e nelle sue prassi, è affidata a quei tre assi principali e alle differenze da essi istituite, in forza di un’estesiologia incarnata che Kant aveva cominciato a dissodare nello scritto sul Primo fondamento della distinzione delle regioni nello spazio e in Che cosa significa orientarsi nel pensare. Lo stesso vale per lo spazio dell’immagine, intesa sia come image sia come picture. Vero e proprio campo energetico, la sua superficie è attraversata da vettori dinamici e forze di resistenza che ne compongono, nella loro tensione più o meno armonica, la struttura. I saggi qui raccolti intendono affrontare questo plesso problematico.
Il verso dell’immagine / A. Barale, A. Pinotti. - In: AISTHESIS. - ISSN 2035-8466. - 5:2(2012), pp. 3-247.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/256063
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact