Gli Autori analizzano la direttiva 2014/41/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, adottata in data 3 aprile 2014, relativa all'ordine europeo di indagine penale (OEI), che introduce un sistema globale di acquisizione della prova penale nell'ambito dell'Unione europea, in sostituzione di tutti gli strumenti esistenti, attuando il principio di mutuo riconoscimento in materia probatoria nella prospettiva di una libera circolazione delle prove.

La direttiva sull’ordine europeo di indagine penale : le nuove prospettive per la libera circolazione delle prove / L. Camaldo, F. Cerqua. - In: CASSAZIONE PENALE. - ISSN 1125-856X. - 54:10(2014), pp. 3511-3527.

La direttiva sull’ordine europeo di indagine penale : le nuove prospettive per la libera circolazione delle prove

L. Camaldo;F. Cerqua
2014

Abstract

Gli Autori analizzano la direttiva 2014/41/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, adottata in data 3 aprile 2014, relativa all'ordine europeo di indagine penale (OEI), che introduce un sistema globale di acquisizione della prova penale nell'ambito dell'Unione europea, in sostituzione di tutti gli strumenti esistenti, attuando il principio di mutuo riconoscimento in materia probatoria nella prospettiva di una libera circolazione delle prove.
ordine europeo di indagine penale; circolazione delle prove
Settore IUS/16 - Diritto Processuale Penale
Article (author)
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/248710
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact