La fiducia della collettività nel "marchio" e il valore penale del "segno"