Fusarium spp. sono responsabili di infezioni superficiali, localmente invasive e disseminate. Il tipo di infezione dipende dallo stato immunitario dell’ospite e del sito di ingresso del fungo. La sorveglianza ECMM-FIMUA ha l’obiettivo di conoscere l’epidemiologia della fusariosi mediante la raccolta di informazioni relative al paziente con la compilazione di un questionario ed al fungo responsabile identificato con metodi molecolari. Da agosto 2007 un totale di 17 casi di fusariosi disseminata sono stati registrati da 6 laboratori di Microbiologia. Il fungo è stato isolato da sangue in 15 pazienti e/o da biopsia cutanea in 6. L’infezione si è verificata in 15 pazienti con patologie ematologiche maligne, principalmente leucemia mieloide acuta, durante GVHD in 2 e dopo trapianto di cellule staminali ematopoietiche in 7. Nove dei 15 pazienti (60%) sono deceduti. Un paziente si è perso al followup. F. proliferatum è la causa di 7 (35%) infezioni disseminate, F. verticillioides di 6 (30%), F. solani species complex di 3 e F. oxysporum di un caso. Questi dati confermano la gravità di questa infezione fungina e la predominanza di F. proliferatum e F. verticillioides come causa di fusariosi disseminata.

ECMM-FIMUA SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DELLE INFEZIONI DA FUSARIUM IN ITALIA: INFEZIONI DISSEMINATE PROVATE / M. C Esposto, A. Prigitano, C. Ossi, A. Grancini, G. Lo Cascio, M. Passera, C. Cavanna, C. Scarparo, A. Candoni, A.M. Tortorano. ((Intervento presentato al 11. convegno CONGRESSO NAZIONALE FIMUA tenutosi a ACICASTELLO nel 2012.

ECMM-FIMUA SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DELLE INFEZIONI DA FUSARIUM IN ITALIA: INFEZIONI DISSEMINATE PROVATE

M.C Esposto;A Prigitano;Borin, A. M. Tortorano
2012-11-15

Abstract

Fusarium spp. sono responsabili di infezioni superficiali, localmente invasive e disseminate. Il tipo di infezione dipende dallo stato immunitario dell’ospite e del sito di ingresso del fungo. La sorveglianza ECMM-FIMUA ha l’obiettivo di conoscere l’epidemiologia della fusariosi mediante la raccolta di informazioni relative al paziente con la compilazione di un questionario ed al fungo responsabile identificato con metodi molecolari. Da agosto 2007 un totale di 17 casi di fusariosi disseminata sono stati registrati da 6 laboratori di Microbiologia. Il fungo è stato isolato da sangue in 15 pazienti e/o da biopsia cutanea in 6. L’infezione si è verificata in 15 pazienti con patologie ematologiche maligne, principalmente leucemia mieloide acuta, durante GVHD in 2 e dopo trapianto di cellule staminali ematopoietiche in 7. Nove dei 15 pazienti (60%) sono deceduti. Un paziente si è perso al followup. F. proliferatum è la causa di 7 (35%) infezioni disseminate, F. verticillioides di 6 (30%), F. solani species complex di 3 e F. oxysporum di un caso. Questi dati confermano la gravità di questa infezione fungina e la predominanza di F. proliferatum e F. verticillioides come causa di fusariosi disseminata.
Settore MED/42 - Igiene Generale e Applicata
ECMM-FIMUA SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DELLE INFEZIONI DA FUSARIUM IN ITALIA: INFEZIONI DISSEMINATE PROVATE / M. C Esposto, A. Prigitano, C. Ossi, A. Grancini, G. Lo Cascio, M. Passera, C. Cavanna, C. Scarparo, A. Candoni, A.M. Tortorano. ((Intervento presentato al 11. convegno CONGRESSO NAZIONALE FIMUA tenutosi a ACICASTELLO nel 2012.
Conference Object
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/226924
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact