Fatto e cosa giudicata: il divieto di bis in idem