Carneade, lo psicopatico aziendale e le sezioni unite della Corte di Cassazione