La valutazione fra scienza e feticismo dei numeri