The s.c. “Testament of Vibius Adiranus” is an epigraphic pompeian text that gives interesting starting points for the study of law among Oscan populations before the complete Roman hegemony. The inscription, probably datable to II century B.C., belongs to the age when Sannitic Pompeii was civitas foederata; juridical elements of the legacy are analyzed both on the private law viewpoint and on the public law one, in comparison with Roman law, but also paying attention to possible preservation of epichorical institutions: trístaamentud; trííbúm; Vereiia; kvaísstur Púmpaííans and assembly’s role.

Il cd. “Testamento di Vibio Adirano” è un documento epigrafico pompeiano che apre spunti di notevole interesse per lo studio del diritto presso le popolazioni osche prima della completa egemonia romana. L’epigrafe, probabilmente risalente al II secolo a.C., appartiene all’epoca in cui la Pompei sannitica era civitas foederata; si indagano gli elementi giuridici del lascito sia dal punto di vista privatistico, sia da quello pubblicistico, in raffronto con il diritto romano, ma con attenzione anche alla possibile permanenza di istituti epicori: il trístaamentud; il trííbúm; la Vereiia; il kvaísstur Púmpaííans e il ruolo dell’assemblea.

Elementi privatistici e intervento della pubblica amministrazione nel testamento di V(iibis) Aadirans / P. Biavaschi - In: Questioni amministrative nel Mediterraneo Antico. Profili giuridici e testuali / P. Biavaschi ; [a cura di] P. Biavaschi. - Milano : Arcipelago Edizioni, 2012. - ISBN 978-88-7695-478-8. - pp. 247-269

Elementi privatistici e intervento della pubblica amministrazione nel testamento di V(iibis) Aadirans

P. Biavaschi
Primo
2012

Abstract

The s.c. “Testament of Vibius Adiranus” is an epigraphic pompeian text that gives interesting starting points for the study of law among Oscan populations before the complete Roman hegemony. The inscription, probably datable to II century B.C., belongs to the age when Sannitic Pompeii was civitas foederata; juridical elements of the legacy are analyzed both on the private law viewpoint and on the public law one, in comparison with Roman law, but also paying attention to possible preservation of epichorical institutions: trístaamentud; trííbúm; Vereiia; kvaísstur Púmpaííans and assembly’s role.
Il cd. “Testamento di Vibio Adirano” è un documento epigrafico pompeiano che apre spunti di notevole interesse per lo studio del diritto presso le popolazioni osche prima della completa egemonia romana. L’epigrafe, probabilmente risalente al II secolo a.C., appartiene all’epoca in cui la Pompei sannitica era civitas foederata; si indagano gli elementi giuridici del lascito sia dal punto di vista privatistico, sia da quello pubblicistico, in raffronto con il diritto romano, ma con attenzione anche alla possibile permanenza di istituti epicori: il trístaamentud; il trííbúm; la Vereiia; il kvaísstur Púmpaííans e il ruolo dell’assemblea.
Vibio Adirano ; Pompei ; testamento ; vereiia
Settore IUS/18 - Diritto Romano e Diritti dell'Antichita'
2012
Book Part (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
11 Biavaschi-Isidoro di Siviglia.pdf

accesso riservato

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 205.91 kB
Formato Adobe PDF
205.91 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
00 Prime e prefazione.pdf

accesso riservato

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 116.27 kB
Formato Adobe PDF
116.27 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/211059
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact