La finzione del dualismo: per un corpo virtuale