Esiste un diritto a sbagliare fondato sull’autonomia?