Monaldo Leopardi di fronte alla politica di Gregorio 16.