Il carteggio Rebora-Scheiwiller e l'operazione culturale dell'editore milanese