Sull'impiego di un nuovo antiflogistico in Ortopedia