Le stenosi esofagee costituiscono un problema relativamente frequente nel cane e nel gatto e sono caratterizzate da disfagia, rigurgito e, in alcuni casi, completa afagia. Possono essere suddivise in stenosi benigne e stenosi maligne e classificate, in base alla loro sede, in intrinseche (o intraparietali) ed estrinseche (o extraparietali). Le stenosi esofagee possono essere trattate in maniera conservativa o chirurgicamente e ciò in funzione della causa che le ha determinate e/o della loro natura. La terapia conservativa viene impiegata principalmente nelle forme intraparietali e si basa: - sulla dilatazione meccanica della stenosi mediante dilatatori assiali o radiali - sul trattamento elettrochirurgico della stenosi e sua successiva dilatazione - sulla scontinuazione dell’anello o del tratto stenotico sotto visione endoscopica e successiva dilatazione - sull'impianto di endoprotesi previa dilatazione della stenosi stessa. La terapia chirurgica si basa fondamentalmente sull'esofagoplastica e sulla resezione ed anastomosi esofagea ed è indicata quando la terapia conservativa non ha sortito sufficiente effetto (recidiva precoce, insufficiente ricanalizzazione del lume esofageo), in caso di stenosi a manicotto o neoplastiche.

Contributo al trattamento delle stenosi esofagee nei piccoli animali / M. Gualtieri. ((Intervento presentato al 11. convegno Congresso Nazionale Soc. Italiana Chirurgia Veterinaria tenutosi a Torino nel 2004.

Contributo al trattamento delle stenosi esofagee nei piccoli animali

M. Gualtieri
Primo
2004

Abstract

Le stenosi esofagee costituiscono un problema relativamente frequente nel cane e nel gatto e sono caratterizzate da disfagia, rigurgito e, in alcuni casi, completa afagia. Possono essere suddivise in stenosi benigne e stenosi maligne e classificate, in base alla loro sede, in intrinseche (o intraparietali) ed estrinseche (o extraparietali). Le stenosi esofagee possono essere trattate in maniera conservativa o chirurgicamente e ciò in funzione della causa che le ha determinate e/o della loro natura. La terapia conservativa viene impiegata principalmente nelle forme intraparietali e si basa: - sulla dilatazione meccanica della stenosi mediante dilatatori assiali o radiali - sul trattamento elettrochirurgico della stenosi e sua successiva dilatazione - sulla scontinuazione dell’anello o del tratto stenotico sotto visione endoscopica e successiva dilatazione - sull'impianto di endoprotesi previa dilatazione della stenosi stessa. La terapia chirurgica si basa fondamentalmente sull'esofagoplastica e sulla resezione ed anastomosi esofagea ed è indicata quando la terapia conservativa non ha sortito sufficiente effetto (recidiva precoce, insufficiente ricanalizzazione del lume esofageo), in caso di stenosi a manicotto o neoplastiche.
esofago; stenosi esofagee; cane
Settore VET/09 - Clinica Chirurgica Veterinaria
Settore VET/08 - Clinica Medica Veterinaria
Contributo al trattamento delle stenosi esofagee nei piccoli animali / M. Gualtieri. ((Intervento presentato al 11. convegno Congresso Nazionale Soc. Italiana Chirurgia Veterinaria tenutosi a Torino nel 2004.
Conference Object
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
CONTRIBUTO AL TRATTAMENTO DELLE STENOSI ESOFAGEE NEI PICCOLI ANIMALI.pdf

accesso aperto

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 28.94 kB
Formato Adobe PDF
28.94 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/201272
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact