L'antigene "e": studio del significato clinico e epidemiologico