Razionalità nella commisurazione della pena: un obiettivo ancora attuale?