I Capuleti e i Montecchi, ovvero il ritorno a «una certa soavità di maniere»