Anita Brookner e le geometrie imperfette della solitudine