Nel 1830, al tramonto di una lunga carriera di storico e letterato, interamente svolta nel solco di un eloquente classicismo retorico e di salde prospettive civili e patriottiche, il piemontese Carlo Botta (1766-1837) si aggiudicava con la "Storia d’Italia dal 1789 al 1814" il ricco premio quinquennale nel concorso bandito dall’Accademia della Crusca per «una produzione di meriti singolari», che «all’importanza della materia» unisse «purità ed eleganza di stile»; ottenne tredici voti, e uno soltanto andò alle "Operette morali" di Giacomo Leopardi. Dopo quel prestigioso riconoscimento, Botta ribadiva la propria fedeltà alla tradizione storiografica cinquecentesca con la "Storia d’Italia, continuata da quella del Guicciardini, sino al 1789", pubblicata a Parigi nel 1832. Il penultimo dei cinquanta libri, isolato dal contesto, si apre ad una suggestiva dimensione narrativa col racconto dettagliato del terremoto calabro-messinese del febbraio 1783; un evento che mise ulteriormente in discussione le certezze positive dei Lumi, già incrinate dal sisma di Lisbona del novembre 1755. Il catalogo di reperti, accumulati da una natura leopardianamente improvvida e indifferente, disegna in queste pagine il quadro di un mondo rovesciato, che la prosa solenne di Botta restituisce con efficace immediatezza. Il grandioso epilogo (i superstiti smarriti fra le macerie, i sinistri bagliori dei roghi e degli incendi, i sepolcri squarciati, i cadaveri informi penzolanti dai dirupi o affioranti dalla terra sconvolta) è di quelli che non si dimenticano; e la nebbia «densa e fetente», che a lungo avrebbe gravato su quelle regioni, non bastò a nascondere agli occhi attoniti dell’Europa il teatro della tragedia.

Le vestigia del terrore : storia d'Italia continuata da quella del Guicciardini sino al 1789 (libro 49.)Edizione commentata a cura di] A.M. Salvadè. - Milano : LED, 2011 Nov. - ISBN 978-88-7916-499-3.

Le vestigia del terrore : storia d'Italia continuata da quella del Guicciardini sino al 1789 (libro 49.)

A.M. Salvadè
Primo
2011

Abstract

Nel 1830, al tramonto di una lunga carriera di storico e letterato, interamente svolta nel solco di un eloquente classicismo retorico e di salde prospettive civili e patriottiche, il piemontese Carlo Botta (1766-1837) si aggiudicava con la "Storia d’Italia dal 1789 al 1814" il ricco premio quinquennale nel concorso bandito dall’Accademia della Crusca per «una produzione di meriti singolari», che «all’importanza della materia» unisse «purità ed eleganza di stile»; ottenne tredici voti, e uno soltanto andò alle "Operette morali" di Giacomo Leopardi. Dopo quel prestigioso riconoscimento, Botta ribadiva la propria fedeltà alla tradizione storiografica cinquecentesca con la "Storia d’Italia, continuata da quella del Guicciardini, sino al 1789", pubblicata a Parigi nel 1832. Il penultimo dei cinquanta libri, isolato dal contesto, si apre ad una suggestiva dimensione narrativa col racconto dettagliato del terremoto calabro-messinese del febbraio 1783; un evento che mise ulteriormente in discussione le certezze positive dei Lumi, già incrinate dal sisma di Lisbona del novembre 1755. Il catalogo di reperti, accumulati da una natura leopardianamente improvvida e indifferente, disegna in queste pagine il quadro di un mondo rovesciato, che la prosa solenne di Botta restituisce con efficace immediatezza. Il grandioso epilogo (i superstiti smarriti fra le macerie, i sinistri bagliori dei roghi e degli incendi, i sepolcri squarciati, i cadaveri informi penzolanti dai dirupi o affioranti dalla terra sconvolta) è di quelli che non si dimenticano; e la nebbia «densa e fetente», che a lungo avrebbe gravato su quelle regioni, non bastò a nascondere agli occhi attoniti dell’Europa il teatro della tragedia.
Storia d’Italia, continuata da quella del Guicciardini, sino al 1789 (libro 49.)
Carlo Botta ; Storia d'Italia ; terremoto calabro-messinese ; 1783
Settore L-FIL-LET/10 - Letteratura Italiana
Book (critical editor)
Le vestigia del terrore : storia d'Italia continuata da quella del Guicciardini sino al 1789 (libro 49.)Edizione commentata a cura di] A.M. Salvadè. - Milano : LED, 2011 Nov. - ISBN 978-88-7916-499-3.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/194306
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact