Il ritmo del corpo architettonico: August Schmarsow tra empatia e pura visibilità