La morfologia di Goethe tra funzionalismo e strutturalismo