La Corte costituzionale e l'inesistenza di una nozione unitaria di intesa