Arthur Schopenhauer. Il sublime è mia rappresentazione