Tra astrazione ed empatia: Cézanne, Worringer e il Blaue Reiter